Attualità di Florenzia

Meditando sull'Avvento (Lc 21,25-28.34-36)

Madre Liliana alle comunità delle Comgregazione:

"Carissime, vi faccio pervenire i testi scritti dei video che antecedentemente vi ho inviati, per seguire con più attenzione e procedere unite con Maria, la nostra Madre Immacolata, in questo cammino di Avvento. Teniamoci per mano e procediamo con generosità nella preghiera e nell'impegno a tenere alta la nostra testa per avere sempre lo sguardo in Alto, da dove verrà la nostra Salvezza: Gesù che ora vediamo nell'ordinarietà, piccolo e indifeso nei fratelli che curiamo e amiamo. Buon Avvento! Suor Liliana"

Papa Francesco:"Utilizzare il nome di Dio per giustificare la violenza è una bestemmia!"

Papa Francesco, all'Angelus in Piazza San Pietro domenica 15 novembre ricordando i fatti del 13 novembre ha detto:

Cari fratelli e sorelle,

desidero esprimere il mio dolore per gli attacchi terroristici che nella tarda serata di venerdì hanno insanguinato la Francia, causando numerose vittime….

Paola Paino: 110 anni e non li dimostra

La dott.ssa Paola Paino mentre svolge il suo intervento.

Intervento della dottoressa Paola Paino la sera del 31 ottobre nell'ambito della celebrazione del 110 ° anniversario della fondazione dell'Istituto delle suore francescane dell'Immacolata concezione di Lipari:

"Sono qui stasera a fare qualche breve riflessione insieme a voi, consapevole di essere alquanto  inadeguata in questo insolito ruolo che  mi è stato gentilmente offerto e affidato da suor Liliana, ruolo cui non ho voluto sottrarmi ….Direi quasi sottovoce, e con un velo di commozione, ma con un piacere enorme, dettato da un  sentimento di amicizia antica e di stima profonda che mi lega alle nostre care Suore Francescane. Senz’altro dunque con molto molto affetto …. E madre Florenzia in primis, che perdonava anche le più discole, sono certa vorrà concedere uno sguardo benevolo su di me!

Battezzata la prima bambina di Lipari a cui è stato imposto il nome di Florenzia

Sabato 30 maggio nella Messa delle 19 a San Pietro, la Chiesa di Lipari ha vissuto un momento di particolare commozione per il battesimo della prima bambina nelle isole Eolie a cui è stato imposto il nome di Florenzia in memoria di Madre Florenzia Profilio. Suor Teresa, la Superiora della casa di Lipari delle Suore Francescane dell’Immacolata Concezione di Lipari, all’inizio della S. Messa, ha rivolto un saluto ai genitori Giuseppe e Tiziana Cincotta: “Le Suore Francescane dell’immacolata Concezione di Lipari desiderano in questo momento di intensa gioia porgere affettuosi auguri alla famiglia e alla piccola Florenzia che oggi festeggia il Battesimo, momento importante della vita che segna il nostro essere figli di Dio. Desideriamo affidare la piccola Florenzia alla nostra Madre Fondatrice che, con il nome di Suor Florenzia ha interamente consacrato la sua vita al servizio di Dio e dei fratelli. E’ bello pensare che una bimba liparese, oggi porti il nome della serva di Dio Madre Florenzia Profilio che con la vita e le virtù eroiche delle opere è entrata nella storia della Chiesa e , proprio in questi giorni, si è aperto il processo di canonizzazione e tutti noi speriamo di poterLa vedere agli onori dell’Altare.

Due ragazzi di Patti innamorati di Florenzia scrivono

Madre Florenzia,nostra amatissima conterranea

Madre Florenzia Profilio, il sole di Lipari

“Santa” seguendo le vie del Vangelo e della verità,

E’ bello sapere che nella terra di Lipari ci possa essere presto un santa, nostra conterranea.

Gesù ci ha graziato della presenza di Madre Florenzia Profilio. Una amica e allo stesso tempo anche sorella e madre. Ha camminato con noi, ha pregato con noi,ha ringraziato Dio con noi.

Dicono di noi: L'Agenzia Fuoritutto sulla celebrazione del Transito

Madre Florenzia di Lipari: tra cronaca, fede e fantasia

Categoria: Cultura   Pubblicato: 25 Febbraio 2015

Si era a metà del mese di febbraio del 1956 ed a Roma, nevicava già da qualche giorno e Madre Florenzia, capì che le forze la stavano abbandonando presagendo in cuor suo che la meta agognata era vicina. Era il preludio per la sua nuova vita celeste.
Madre Florenzia, al secolo Giovanna Profilio, di Lipari, di li a qualche giorno salì nel Regno di Dio.
Con  queste parole,  Madre Liliana Pagano, Superiora Generale della Congregazione delle Suore Francescane dell’Immacolata Concezione di Lipari, la sera del 21 febbraio u. s. dopo aver concisamente illustrato la vita e le opere compiute dalla stessa  rievocava con malcelata commozione ai fedeli l’anniversario del suo Transito: “Da Pirrera, Giovanna, aveva guardato il mare azzurro e immenso che si stendeva fino all’orizzonte per incontrare il cielo … la luce infinita del cielo è stata la meta sognata durante il viaggio terreno e raggiunta attraverso un cammino illuminato da momenti di preghiera, di silenzio, di riflessione, di ascolto, alla ricerca della santità nelle semplici vicende della vita quotidiana”.

Florenzia santa per la sua pazienza?

L’intervento di Michele Giacomantonio letto domenica 22 febbraio durante la celebrazione della memoria del 59°anniversario del transito di Florenzia.

Mi sono convinto studiando e riflettendo sulla vita di Florenzia che la virtù maggiore che ha connotato la virtù della Serva di Dio, dalla fanciullezza alla vecchiaia, sia stata la pazienza.

La pazienza più dell’obbedienza. L’obbedienza era naturalmente uno dei tre voti, uno dei tre consigli evangelici capisaldi della sua vita consacrata, ma l’obbedienza di Florenzia era così salda e spontanea senza apparire mai costrizione e subordinazione reverenziale al superiore perché era fondata sulla certezza incrollabile e senza dubbi che il suo progetto – dalla propria vocazione alla promozione dell’Istituto e quindi alla affermazione di questo – era voluto da Dio. Una certezza che derivava dall’”ascolto della voce” maturato nella preghiera e nel silenzio.

 

Celebrato il 59° anniversario del transito della Madre

Sabato 21 e domenica 22 nella Casa Generalizia di via delle Benedettine a Roma si è celebrata la ricorrenza del transito di Madre Florenzia avvenuta il 21 febbraio 1956.  Nella giornata di sabato vi sono stati i solenni Vespri presieduti da S. Ecc. Mons. Antonio Staglianò , Vescovo di Noto (Siracusa) che tenuto una omelia sul significato della morte cristiana. E' seguito un concerto dei cantori della Cappella Sistina, quindi i ragazzi del gruppo "Porziuncola" di noto hanna rappresentato le lodi con brani presi dal testo ispirazionale relativi al carisma di Florenzia. Un incontro di festa conviviale offerto dalla Officina gastronomica di Trapani ha chiuso la serata.

 

La virtù della pazienza in Madre Florenzia

La virtù della pazienza nell’era del digitale, dei rapporti effimeri, della cultura del tutto e subito è divenuta una risorsa sempre più rara ma anche più preziosa. Per questo c’è bisogno di esempi forti che insegnino come la pazienza ben lungi dal significare rinuncia e rassegnazione é una grande forza di trasformazione e di crescita. Madre Florenzia Profilio è stata e continua ad essere uno di questi esempi dove la virtù della pazienza è stata vissuta sino all’eroismo.

Pagine