A Roma il capitolo generale delle Suore Francescane dell'Immacolata Concezione di Lipari

Le superiore delle diverse case riunite nella sala capitolare.

Ha scritto la Superiora Generale Madre Liliana Pagano: "Come richiesto dalle norme canoniche e dalle nostre Costituzioni, dal 19 al 24 giugno scorso, abbiamo vissuto a Roma, in Casa generalizia,una intensa settimana di riflessione, verifica e programmazione della vita della nostra Famiglia religiosa con il Capitolo intermedio.
Tema che abbiamo tenuto davanti ai nostri occhi e che abbiamo sviscerato  negli incontri preparativi al Capitolo e nei gruppi di studio durante il capitolo stesso "Il volto della Suora Francescana dell'Immacolata Concezione di Lipari nell'oggi della Chiesa e del mondo". Al termine è stato stilato un documento, programmatico per la vita di ogni suora e dell'intera Congregazione, per il prossimo triennio.

Ecco il testo del Documento finale:

 

 DOCUMENTO FINALE

Dal 19 al 24 giugno 2017, ci siamo ritrovate a vivere in Casa Generalizia, a Roma, il XXII° Capitolo del nostro Istituto.

E' stata un'esperienza di gioia e di unità che ha stupito noi stesse; una celebrazione di fraternità e di passione condivisa per il bene di ogni Sorella e nella riscoperta della bellezza della nostra vocazione.

Gioia – unità – fraternità – passione condivisa – bellezza della vocazione: questo è il VOLTO della Suora Francescana dell'Immacolata Concezione di Lipari nell'oggi della Chiesa e nel mondo.

Il Capitolo ha preso atto che il nuovo contesto della società e della missione ci sfida ad essere audaci e creative e a ripensare obiettivi, strutture e metodi di animazione delle Fraternità e di evangelizzazione missionaria, consapevoli di non poter rispondere a tutte le attese del nostro tempo.

Seguendo l'invito del Papa, vogliamo passare

dal “si è fatto sempre così” all'audacia e alla creatività in questo compito di ripensare gli obiettivi, le strutture, lo stile e i metodi evangelizzatori delle nostre comunità. Una individuazione dei fini senza un’adeguata ricerca comunitaria dei mezzi per raggiungerli è condannata a tradursi in mera fantasia. L’importante è non camminare da sole, contare sempre sui fratelli e sulle sorelle e specialmente sulla guida dei Vescovi, in un saggio e realistico discernimento pastorale (cfr. EG 33).

Guidate dallo Spirito Santo che ci precede su questo cammino, vogliamo dedicarci a tale servizio realizzandolo in un'esperienza di pienezza evangelica, anche nella debolezza che attualmente sperimentiamo. ”Perciò mi compiaccio nelle mie debolezze, negli oltraggi, nelle difficoltà, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: infatti quando sono debole, è allora che sono forte”. (2Cor 12,10).

Il mondo e la Chiesa, nostra madre, ci interpellano e noi Suore Francescane dell'Immacolata Concezione di Lipari vogliamo rispondere a questa chiamata attraverso una vita fraterna attenta ai segni dei tempi, che ci vede testimoni con

  • una vita di preghiera e di evangelizzazione fondate sulla Parola ascoltata, vissuta e testimoniata;

  • il “servizio e la collaborazione reciproca”;

  • strutture semplici, condivise ed accoglienti che ci rendono più vicini alla gente e più felici, evitando una vita comoda, isolata e impoverita nella sua spiritualità e poco appassionata per il nostro carisma.

     Tutto questo comporta necessariamente

    Un improrogabile rinnovamento del nostro essere consacrate nella Chiesa e nel mondo.

     Per questo ci siamo esortate a vicenda a ritornare all'essenzialità della Parola del Vangelo, che è e deve essere per ciascuna di noi il primo mandato verso il cammino alla santità del quotidiano che Madre Florenzia continuamente ci indica con la sua testimonianza, convinte che tornare al cuore della propria vocazione significa mettere al centro di tutto Gesù Cristo, già a partire da oggi.

     

    Lasciandoci guidare dalla Parola di Dio, che è risuonata abbondante in questi giorni, abbiamo anche accolto le molteplici provocazioni e individuato il sogno che ci è stato consegnato dalla nostra Fondatrice col prezioso Carisma di cui siamo depositarie e che ci impegna a portare Gesù a tutti, indistintamente e incondizionatamente.

    Per una ulteriore concretezza abbiamo scelto tre ambiti, che abbiamo voluto nominare “fioriere” per ri-creare le modalità del nostro vivere quotidiano, perché torni ad essere bello, luminoso e attraente il VOLTO che ci è stato consegnato da Madre Florenzia:

                prima fioriera: Vita di orazione e devozione

                seconda fioriera: Vita di fraternità

                terza fioriera: Vita di evangelizzazione

     

    Per ognuna di queste “fioriere” abbiamo votato delle modalità di attuazione, che ogni Sorella è chiamata a fare proprie e a testimoniare con entusiasmo e gioia, certe che il Cristo è al centro della vita di ciascuna e delle opere dell'Istituto.

     

  •   VITA DI ORAZIONE E DEVOZIONE

     

 

  1. Mettere al centro della nostra vita personale e comunitaria la Parola di Dio: ascoltata, vissuta e testimoniata. Nelle Fraternità, dove è possibile, si faccia la “lectio divina” sulla Parola della domenica.

     

 

  1. Rivitalizzare le Case di Pirrera e di Assisi con la presenza di Suore, anche per un periodo temporaneo.

     

    VITA DI FRATERNITA'

     

 

  1. Curare le relazioni fraterne, possibilmente attraverso l'aiuto di esperti.

     

 

  1. Ogni Fraternità abbia a cuore la pastorale vocazionale, attraverso la preghiera e l'accoglienza di giovani/e nelle nostre Case

     

 

  1. Testimoniamo la Fraternità condividendo i nostri beni. Alla fine del mese ogni Casa contribuisce con il  10% delle entrate lorde, da versare alla Casa Generalizia.

     

    VITA DI EVANGELIZZAZIONE

     

 

  1. Offriamo la nostra disponibilità alle Missioni al popolo.

     

 

  1. Docili all'azione dello Spirito Santo ci apriamo alla dimensione missionaria in terra d'Africa.

     

 

  1. Rivediamo, in piena libertà, strutture e attività per rispondere con rinnovata audacia e profezia alle sfide del nostro tempo.

     

    Abbiamo la consapevolezza che, se saremo fedeli,  non ci verrà meno l'aiuto e l'assistenza di Dio, la protezione della Vergine Santissima e l'intercessione della Nostra Fondatrice e di tutti i Santi.

    Le sue materne parole “Dal cielo vi proteggo e vi benedico” costituiscano la garanzia  per l'avvenire della Congregazione, che ancora oggi viene affidata alla operosa novità delle nostre vite, rinnovate  dalla Parola di Gesù e dalla potenza del suo Spirito. 

     

    A lode di Dio. Amen.                                                     Le Suore Capitolari

     

                                                                  Francescane dell'Immacolata Concezione di Lipari

 

S.Messa nelle Grotte vaticane.